News Moretti&Vitali

In libreriaRiccardo Bernardini

Simboli di rinascita nella Basilica di San Miniato al Monte di Firenze
Da Gioacchino da Fiore a C.G. Jung

Riccardo Bernardini, recente vincitore del prestigioso EU HEALTH AWARD della Commissione europea, a cui vanno le felicitazioni e i complimenti della Casa Editrice, è l’autore di questo interessantissimo studio dedicato alla chiesa di San Miniato al Monte di Firenze. Il volume è corredato da una sezione iconografica e fotografica. Con la prefazione dell’Abate di San Miniato Bernardo Francesco Gianni.

Tra i capolavori dell’architettura romanica, la millenaria Basilica di San Miniato al Monte di Firenze testimonia una rara ricezione cristiana della preesistente tradizione astrologica. Questo libro propone una lettura psicologica dell’iconografia della Basilica, con particolare attenzione a cinque temi: lo Zodiaco solstiziale nella navata centrale, una vera e propria “macchina filosofica” legata a ritmi quotidiani, annuali ed epocali; la Porta Santa rivolta a Oriente, che richiama quella rinascita interiore a cui tutta la chiesa sembra tendere; il Teriomorfo dell’ambone e gli animali allegorici, ciascuno dei quali è portatore di uno specifico messaggio ermetico; il glifo dei Pesci, icona di resurrezione cristica e vittoria sulla morte; e l’iscrizione segreta pavimentale, che da oltre mille anni accoglie fedeli e visitatori a San Miniato al Monte. Questo complesso simbolismo sembra raccontarci delle angosce millenaristiche dell’uomo medievale per la venuta dell’Anticristo, alla fine di un’epoca del mondo: astronomicamente, la “commissura” o momento di passaggio dell’Equinozio di Primavera dal primo al secondo pesce nella costellazione dei Pesci, lungo il movimento di precessione degli equinozi; ma anche delle sue speranze escatologiche per l’inizio di un nuovo tempo cosmico, colmo di grazia e serenità, profetizzato da Gioacchino da Fiore (l’Età dello Spirito Santo) e, con riferimento all’attesa Era dell’Acquario, intuito da Carl Gustav Jung (“La via di quel che ha da venire”).

 

vai alla scheda del volume


In libreria  Ugo Fama

Dall’anima alla funzione trascendente
Appunti per un’epistemologia junghiana

Lo scopo di questo libro è quello di mettere in luce con diverse argomentazioni gli aspetti principali della epistemologia junghiana, poco frequentata e conosciuta da studiosi e addetti ai lavori. Questa si basa fondamentalmente su un uso importante della contaminazione delle idee. In particolare quelle idee che si possono attingere dall’opera di antichi pensatori. Ugo Fama ne cita alcuni: il pensiero gnostico, l’alchimia, il pensiero neoplatonico, il pensiero filosofico del Rinascimento e così via fino a quelle di autori più recenti quali Wolfgang Pauli, premio Nobel per la fisica, il cui incontro con Jung aprì nuove prospettive di ricerche sui fenomeni sincronici. La modernità di questo modo di procedere si può cogliere in eminenti filosofi della scienza, quali Thomas Kuhn e Paul Feyerabend.  I loro libri – pubblicati nel secondo ’900 – La struttura delle rivoluzioni scientifiche Contro il metodo danno grande rilievo all’importanza del ricorso alle idee e teorie del passato, in quanto possibilità di superare i paradigmi stretti proposti proprio dai filosofi della scienza contemporanei, loro colleghi.

Ciò conduce a un modo di procedere che si nutre di frequenti stimoli e intuizioni, come dire il passato fertilizza il presente e offre alla ricerca di studiosi e clinici nuove possibilità creative. Questo è quanto il libro vuole sostenere riguardo al pensiero di Jung.

 

 

Collana Il Tridente saggi

vai alla scheda del volume

pagine : 208
dimensioni : 14,5×21 cm

prezzo : € 24
ISBN : 9788871868615
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.